giovedì 7 marzo 2013

THE NEXT DAYVID BOWIE

David Bowie “The Next Day”
Genere: velvet goldmine
Provenienza: Londra, Inghilterra, UK
Se ti piace ascolta anche: Pulp, Blur, tutti gli altri 23 dischi di David Bowie

Il nuovo disco di David Bowie è davvero notevole. E lo dice uno che di solito non ama parlare bene dei “vecchietti del rock”. Se c’è anzi uno sport che amo praticare è proprio la caccia al vecchietto del rock.
Vasco ne sa qualcosa.
Mi vergogno al solo aver pronunciato il suo nome in un post dedicato a Bowie. E mi vergogno un po’ anche di aver avvicinato Bowie agli altri vecchietti del rock. Perché Bowie è fuori categoria. Sempre stato, sempre sarà.
Metà umano e metà alieno. Metà uomo e metà donna. Metà pop e metà rock. Adesso pure metà giovane e metà vecchio. Metà vecchio perché oh, gli anni passano per tutti, pure per lui, e una canzone come il primo singolo “Where Are We Now?”, un toccante guardarsi alle spalle di un uomo che fa il punto della situazione sulla sua vita, solo uno splendido 66enne avrebbe potuta scriverla.



Metà giovane perché molti pezzi del suo nuovo disco, il suo primo da 10 anni a questa parte, suonano freschi, come li cantasse un esordiente che deve ancora dimostrare tutto il suo valore al mondo.
Molti sono gli echi dai suoi album del passato. Il citato singolo “Where Are We Now?” è vicino a “Thursday’s Child” contenuto sull’album “Hours” del 1999, ma è ingannevole. Il resto del programma guarda infatti ben più indietro. Ai favolosi 70s del cantante, a quell’Heroes omaggiato fin dalla geniale copertina, ma non solo.

Focus sui pezzi dell’album
L’apertura con “The Next Day” è frizzante. A me ricorda i Blur, ma forse dovrei dire che mi ricorda i Blur che ricordano Bowie che ricorda i Blur che ricordano Bowie e sì, insomma, capito no?
“Dirty Boys” ha un ritmo rallentato molto cool ah yeah e vagamente jazzato. Capito anche questo, no?
Il nuovo singolo “The Stars (Are Out Tonight)”, accompagnato dallo splendido visionario video girato da Floria Sigismondi e interpretato dalla versione femminile di Bowie Tilda Swinton, è ancora più esaltante. Il fatto che il miglior rock ascoltato negli ultimi tempi sia suonato dai “vecchi” David Bowie e My Bloody Valentine credo debba far riflettere sullo stato attuale del rock. Dovrebbe far riflettere soprattutto le rock band (se ce ne sono) di oggi.
“Love is Lost” ci porta in territori solenni. “Valentine’s Day” è puro nudo e crudo 70s Bowie, una goduria velvetgoldmineiosa. “If You Can See Me” è un delirante fantastico trip. “I’d Rather Be High” è un sogno di canzone che non sfigurerebbe affatto di fianco ai pezzi capolavoro del suo glorioso passato, mentre “Boss of Me” è una roba stilosissima e di gran classe.
“Dancing Out in Space” è saltellante, vivace, ipnotica e contagiosa. “How Does the Grass Grow?” prosegue nella stessa direzione, impreziosita da un coro la la la la la irresistibile. “(You Will) Set the World on Fire” è un nuovo inno glam rock che pare uscito dritto dagli anni Settanta. A questo punto il dubbio che alcuni di questi brani siano stati tirati fuori dal cassetto del passato è legittimo ma poco importa, l’importante è che li abbia tirati fuori e ce li abbia regalati in una così splendida veste.
“You Feel So Lonely You Could Die” è la ballatona perfetta da suonare mentre scorrono i titoli di coda di un film davvero bello, anche se la vera chiusa è affidata alla rallentata e melodrammatica (forse troppo) “Heat”, in cui canta “I don’t know who I am”. Noi invece siamo grati di sapere chi sei, David: un grande.
Fine del focus sui pezzi dell’album

Al di là della scomposizione in singole canzoni appena compiuta, “The Next Day” è un lavoro da assaporare tutto insieme, per scoprire uno degli album più variegati e vivi degli ultimi tempi, alla faccia di chi lo dava per moribondo. I soliti criticoni, gruppo di cui per una volta stranamente non faccio parte, diranno che i suoi dischi dei 70s erano di un altro livello e sì, questo non cambierà la vita delle persone come avevano fatto per dirne alcuni Hunky Dory, The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars, Aladdin Sane, Diamond Dogs, Low, Heroes, Scary Monsters (and Super Creeps), tutto vero. Però oh, non rompete e ascoltatevi per bene questo album. Il migliore che avrebbe potuto tirare fuori David Bowie a questo punto della sua e della nostra vita.
(voto 8/10)



11 commenti:

  1. Ho apprezzato anche io questo ritorno del nostro e l'ho fatto fin dal primo singolo. Spero di riuscirne a parlare a breve. Comunque questa è la prova definitiva che Bowie è un alienA.

    RispondiElimina
  2. devo prenderlo questo cd, imperdibile :)

    RispondiElimina
  3. Per una volta siamo dalla stessa parte anche musicalmente.
    Bowie mostruoso.

    RispondiElimina
  4. Non l'ho ancora ascolta come si deve - aspetto che si spenga l'eco dell'uscita. Bowie e Bowie

    RispondiElimina
  5. Ce l'ho lì da ascoltare, molti mi hanno detto il contrario ma io mi fido di Bowie, rimarrò sempre un grande! :)

    RispondiElimina
  6. Uhm Uhm... non l'ho ancora sentito. MI devo muovere!

    RispondiElimina
  7. Ogni parola che hai scritto è perfetta per descrivere quest'album e questo artista immenso , che riesce a sorprendere sempre. Ha accompagnato tutta la mia vita e saperlo là fuori ad inventarsene una delle sue, mi rassicura sull'esistenza. miao

    RispondiElimina
  8. Per una volta anche io non faccio la solita criticona. Bowie è semplicemente lui. Impossibile da raggiungere e superare. L'album è una meraviglia.

    RispondiElimina
  9. Mi sa che me lo compro (sono l'unica che acquista i CD?) (no, non sono l'unica, visto che nemmeno io ne ho acquistato uno negli ultimi 5 anni!).
    Adoro Bowie. Ho anche inserito un suo brano in un mio spettacolo.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com

Google Analytics