mercoledì 18 aprile 2012

AMARFORD

Ieri abbiamo visto il meglio cinema italiano secondo Cannibal Kid.
Oggi tocca al meglio cinema italiano secondo Mr. James Ford, equivalente anche al peggio cinema mondiale secondo Cannibal Kid.
Vediamo, or dunque, cosa c'ha riservato 'sta volta il nemico non solo mio, ma anche del buon gusto...
Cannibal Kid

Tornare a combattere con quel Cucciolo Eroico del Cannibale in una sana Blog Guerra è un pò come gustarsi il sapore vero di un bel Montenegro dopo aver soccorso un amico in difficoltà.
Peccato che il Kid sia un acerrimo nemico e che, dunque, verrà abbandonato al suo destino in qualche bosco isolato, pronto per essere depredato da qualche branco di radical chic assetati di sangue.
Come abbiamo già avuto modo di constatare ieri con la come di consueto altalenante decina cannibalesca, l'argomento è delicato e ci tocca molto da vicino: il Cinema italiano prende infatti la parola nella disputa tra i due più agguerriti antagonisti della blogosfera, sfoderando colpi più o meno bassi e pellicole più - le mie, ovviamente - o meno - le sue, ovviamente - interessanti.
E' dunque l'ora della solidissima ed importante decina fordiana, che tocca le opere più importanti della nostrana produzione, in barba alle pippe da sala d'essai del Coniglione Kid. Qui si lotta per le strade, non nei salotti.
E visto che il mio tradizionalista avversario ha puntato su Fratelli d'Italia, io sceglierò un inno più moderno e pane e salame, tiè!

"Che delusione i film di oggi... O meglio: che schifo!"
Il radical chic, il pane e salame, una lacrima sul blog,
Blog Guerra sì, Blog Guerra no, Blog Guerra bum, la rete è impazzita!
Puoi dir di sì, puoi dir di no, ma questa è la vita!
Prepariamoci un bel post, impaginiamoci un bel post, Ford e Cannibal son pronti a battagliare un pò.
Battaglia sì, battaglia no, battaglia furiosa.
Battaglia pam, battaglia papapapapapam, va in tilt ogni cosa.
Cucciolo sì? Eroico no? E' un vero marasma!
Coniglio sì? Coniglio no? Coniglio fantasma!
Io coniglio non sarò, e ai tuoi film dico no,
se dimentichi Von Trier bottigliando ti dirò:
fifififififififi ti devo un Von Trier!
fififififfifififi l'ho già bottigliato!
Viva Schwarzy e Stallone! Viva le bottigliate!
Gli piacciono le tamarrate... Ma è un Ford grande così!
Ford sì, Cannibale no! Se famo un pane e salame!
Mr. James Ford

"Ho messo tutti i miei bei DVD cannibali in valigia e ora me ne vado via,
 lontano da questa landa di desolazione fordiana."
1) Ossessione (1943) di Luchino Visconti
Mr. James Ford Un pò come l'ossessione di Cannibale di riuscire, un giorno, ad essere all'altezza del vecchio Ford.
Il primo film di Visconti rivelò al mondo della settima arte tutto il talento del futuro autore di Rocco e i suoi fratelli e Il gattopardo, grazie ad un dramma dalle atmosfere soffuse che pare una versione del Bel Paese dei primi lavori di Hitchcock.
Una storia oscura di passione che i cuori aridi e abituati ai film senza capo ne coda come quello del Cannibale non riusciranno a spiegarsi, ma che, di fatto, è l'emblema della fuoco che avrebbe mosso, decenni dopo, registi come Almodovar nella loro personale ricerca cinematografica, nonchè un esempio perfetto di come e quanto, allora, i nostri registi erano in grado di insegnare ai colleghi di tutto il mondo.
Cannibal Kid Ma allora sei davvero ossessionato dalle pellicole stranoiose, strasorpassate e strainguardabili, questa così come il forse ancor più soporifero Il gattopardo.
Se già il genere neorealista non lo reggo, per lo meno avresti potuto optare per Ladri di biciclette, film che non mi entusiasma, ma almeno di certo è più emozionante di questa soap-opera sentimentale di quelle che possono mandare in brodo di giuggiole giusto il tuo cuore da vecchio tenerone.
Il fatto di aver ispirato Almodovar, ammesso sia vero, non mi sembra nemmeno tutto ‘sto motivo di vanto…
Non mi sorprende certo che Ford sia un fan del neorealismo, laddove io prediligo di gran lunga invece la Nouvelle Vague francese: la differenza può essere sintetizzata tutta in una scena, lo sguardo in camera gettato da Jean Paul Belmondo in Fino all’ultimo respiro. Laddove il cinema neopalloso, ehm neorealista si limita a documentare la realtà, il cinema che preferisco io invece la interpreta, la fa diventare racconto, ci gioca con ironia. È questo il cinema che amo e anche i registi che preferisco (Tarantino, Lynch, Kubrick…) sono tutti quanto di più lontano ci possa essere dal realismo.
Il mio cinema è gioco, finzione, divertimento. Il tuo Ford è noia, realismo, e ancora noia. Oh, alla fine, de gustibus. E anche la noia è un gusto da rispettare. Più o meno…
JF La cosa curiosa è che io apprezzo anche i tuoi registi, mentre tu fatichi a scendere dal tuo piedistallo pseudoartistico e passeggiare un pò per la strada. Quella vera. E anche quella di Fellini. Tiè.
Comuque, ti lascio volentieri quella roba da finta avanguardia di Fino all'ultimo respiro e mi tengo tranquillamente le mie "ossessioni".

"Aspetta Cannibal! Hai dimenticato il DVD di Donnie Darko!"
2) Roma città aperta (1945) di Roberto Rossellini
JF Inutile che stia a spendere troppe parole su quello che è uno dei Capolavori indiscussi del nostro Cinema, del neorealismo e della settima arte in generale.
Una pellicola così grande da far apparire sbiancata e sbiadita qualsiasi eclisse cannibalesca, un ritratto di quello che fu il dramma della Seconda Guerra Mondiale e del concetto di Resistenza come raramente se ne sono visti.
Sequenze da brividi, rabbia e commozione.
E mentre Roma si apre, che la bocca del Cannibale si chiuda e non osi proferire verbo contro quest'opera gigantesca.
CK Ancora neorealismo? Siamo solo al secondo film e io sono già in coma totale, senza se e senza ma.
Se c’è un filone cinematografico che non reggo e che mi annoia più della morte, è il neorealismo italiano.
Dio maledica te e i tuoi film, Mr. Ford!"
“Il cinema è la vita con le parti noiose tagliate,” diceva un saggio.
“Il cinema neorealista è la vita con solo le parti noiose,” dice l’ancor più saggio Cannibal Kid.
Non metto in discussione il fatto che Roma città aperta sia un documento importante, una pellicola dal forte valore storico, però sono 2 ore che non passano più. Ottima l’interpretazione di Anna Magnani, peccato che ATTENZIONE SPOILER a manco metà del film muore, nella celebre scena che è anche l’unico momento memorabile di un film per il resto terribilmente antiquato e superato.
Non è una questione di anni: ci sono film dello stesso periodo come Quarto potere o Viale del tramonto che ancora oggi risultano attuali e moderni. Non è questo il caso. Un film invecchiato male, proprio come te, Ford, Re non di Roma bensì del cinema neopalloso! Ahahahahah
JF Fossi in te, Cannibale, andrei a fare un giro armato di bulldozer dalle parti delle piramidi. In fondo ora risulterebbero scomode come abitazioni. E già che ci sei, fai tabula rasa anche con quel mucchio di pietre di Stonehenge.
E metterei nel mucchio anche la Grande Muraglia.
Vorrei vederli, i tuoi genietti del futuro, senza l'eredità dei Classici!
CK Come ho detto, ci sono tante cose del passato che vanno tenute. Il cinema neorealista e quella mummia di Mr. Ford invece possono essere abbattuti immediatamente. Nessuno sentirà la loro mancanza! :D


"Cannibal, ao', questo te lo sei proprio meritato!"
3) La grande guerra (1959) di Mario Monicelli
JF Da un Capolavoro all'altro, la decina fordiana pesca ora quello che è il vertice dell'opera di uno dei grandi Maestri della commedia all'italiana, che grazie all'accoppiata da fantascienza Gassman/Sordi - no, non Ford/Cannibale - regala al pubblico un ritratto solo apparentemente "leggero" della Prima Guerra Mondiale zeppo di caratteristi che hanno fatto la storia del nostro Cinema e di sequenze memorabili, culminate in un finale che sarebbe riduttivo definire struggente.
Pellicole come questa, normalmente snobbate dai finti avanguardisti come il mio rivale, dovrebbero essere proiettate a ripetizione non solo nelle scuole di Cinema, ma nelle scuole e basta, perchè sono la migliore eredità della nostra cultura.
CK La grande noia, più che la grande guerra.
Ford dev’essere una di quelle persone tutte serie che ritengono un film importante solo se tratta temi pesanti, come la guerra. Sarà per questo che ha riempito metà della sua lista con film più o meno bellici o più o meno sul Fascismo. E qui torna indietro persino alla prima guerra mondiale, ovvero la versione anti cinematografica della seconda guerra mondiale, come abbiamo purtroppo potuto notare anche con War Horse.
Sarà come non sarà, ma questo film del buon Monicelli tenta l’approccio da commedia alla guerra, peccato che non faccia ridere, né tanto meno sia emozionante o toccante.
Coppia di attori da fantascienza??? Qua l’unica cosa da fantascienza sono le dichiarazioni del Ford.
Vittorio Gassman se la cava, peccato che fosse genovese e il suo accento milanese non risulta molto credibile…
Quanto ad Alberto Sordi, bah. Per me era un personaggio, ma non un attore. Un po’ come Benigni, uno che più che recitare, ogni volta interpreta solo una variante di se stesso. Con la differenza che Benigni è più divertente. Qui abbiamo Sordi in versione soldato, che è uguale a Sordi in qualunque altra versione, come vedremo dopo, visto che Ford con i suoi gusti monolitici ha voluto spararci altre sue 12 pellicole…
L’unica scena interessante del soporifero film (e siamo finora a 3 su 3) è allora quella del finale.
“Mi te disi proprio un bel gnènt!! Hai capito?!? Facia de Ford!”
JF Già il fatto che tu consideri Benigni più di Sordi la dice lunga sui tuoi gusti, antagonista dei miei stivali.
Poi, che tu possa trovare fuori dal tuo tempo - ovvero gli ultimi dieci anni, buahhahahahahahaha! - un film come questo ci può anche stare, ma che la tua scarsa tenuta non ti permetta di vedere la serie praticamente infinita di scene memorabili de La grande guerra è davvero incredibile: tutti i duetti tra i protagonisti sono da antologia - oltre che divertentissimi -, e il dramma della guerra è presentato senza essere appesantito come sarebbe stato se ad averlo tra le mani fosse stato uno dei tuoi amiconi pipponi, che considerano un dramma anche una merenda con la fidanzatina.

"Quello è Mr. Ford? E' persino più spaventoso di quanto immaginassimo"
4) Una vita difficile (1961) di Dino Risi
JF Il film che ha bruciato Il sorpasso al fotofinish entrando di prepotenza nella selezione per la Blog Guerra, uno dei più grandi esempi del valore come attore drammatico di Alberto Sordi nonchè un ritratto dei lati oscuri della "dolce vita" dalla potenza incredibile.
Forse non conosciuto come altri lavori di Risi, l'epopea del partigiano divenuto aspirante borghese è una delle "favole nere" più riuscite del nostro Cinema: e dopo una giornata passata a sorbirsi i pipponi del Cannibale, basta la sequenza dell'Albertone ubriaco a Viareggio per cancellare ogni dubbio su quale sia la parte migliore di questa Blog Guerra.
CK Una vita difficile, quella di un blogger come me che si deve sorbire tanti film tanto noiosi per poter partecipare a una Blog War come questa.
La commedia di Dino Risi presenta una buona regia e una discreta sceneggiatura, peccato che come commedia non faccia ridere manco per sbaglio. Figuriamoci se Ford ci proponeva 1 film 1 che facesse ridere, sia mai. Ci si potrebbe divertire troppo!
A non funzionare, per quanto mi riguarda, è il protagonista: Alberto Sordi era il medioman del cinema italiano. Come già detto sopra, si limitava a fare se stesso in ogni film. La scena in cui fa l’ubriaco è la chiara dimostrazione di quanto non fosse capace a recitare. Scommetto che persino quell’astemio di Ford riuscirebbe a essere più credibile come ubriaco. Se quella è la scena che dovrebbe farti aggiudicare la vittoria, Ford, mi sa che sei più ottimista degli americani quando invasero il Vietnam…
Ve lo meritate Alberto Sordi, voi fordiani!
A forza di sentire castronerie pronunciate da Ford, quasi quasi però sarebbe meglio essere sordi. UAHAHAHAHA
JF Sarà un attorone il tuo amichetto corvaccio di Uccellacci e uccellini.
O quell'altro squinternato del coniglione di Donnie Darko.
Effettivamente, il tuo è un Cinema buono giusto per le bestialità! Buahahahahahahah!
Una vita difficile è un Capolavoro. E basta.

"Addio AmarFord, a mai più rivederci!"
5) 8 e 1/2 (1963) e Amarcord (1973) di Federico Fellini
JF Uno dei pochi registi della Storia in grado di mettere d'accordo anche due acerrimi nemici come il sottoscritto e il Cucciolo Eroico, l'enorme Fellini, non andrebbe discusso a priori, tale e tanta è la sua importanza.
8 e 1/2 rappresenta, a mio parere, l'equivalente di 2001: odissea nello spazio per il Cinema italiano, ed è senza ombra di dubbio il viaggio più importante che possa offrire una pellicola made in Terra dei cachi al pubblico.
Amarcord, dall'altra parte, è tutto il cuore del Maestro riminese, una carrellata di personaggi che, considerate le origini di mio padre, sento più vicine di quanto non sembri.
Due Capolavori indiscutibili, buoni giusto per prendere un pò di fiato tra un round e l'altro della lotta.
CK Ed ecco l’unico Artista (vabbè, mettiamoci dentro pure Sergio Leone) di una lista fordiana composta per il resto da artigiani del cinema. Alcuni magari mestieranti decenti, altri nemmeno quello. 8 e ½ è quindi un oggetto alieno in questa lista e figurava molto meglio ieri tra le pellicole cannibali.
"A forza di pregare, un paio di film decenti Ford li ha messi!"
Quanto ad Amarcord, è una pellicola valida e interessante, però troppo frammentaria e discontinua e presenta anche vari momenti kitsch, come quelli con Alvaro Vitali, che non mi hanno entusiasmato molto. Per me siamo diversi gradini sotto rispetto alla classe assoluta di 8 e ½ e La dolce vita. Sarà che io preferisco il dolce all’amaro… Del tutto strepitoso invece il tema musicale di Nino Rota, una delle musiche da cinema (e non solo) più belle della storia.
Questa è qundi la parte migliore di una lista per il resto non da amarcord, bensì da dimentare, caro il mio AmarFord.
JF Da dimenticare c'è solo l'ennesima dimostrazione della tua mancanza di gusto cinematografico! E se vieni un pò più vicino, mentre sono in cima al tuo Tree of life dei poveri, ti prendo volentieri a sassate gridando "VOGLIO UN RIVALE CHE SI INTENDA DI CINEMAAAA!"



"Ford, m'hai proprio rotto. Mi unisco al suicide club cannibale!"
6) Il buono, il brutto, il cattivo (1966) di Sergio Leone
JF Nella lista fordiana non poteva mancare uno dei film più rappresentativi della nostra cinematografia, un cult imprescindibile del western ed un saggio di tecnica impareggiabile.
Cast stellare, sequenze e battute indimenticabili, un finale da paura.
"Cannibale, al mondo ci sono due tipi di persone: quelli con il fucile e quelli che scavano. Tu scavi."
Bang bang, Cucciolo Eroico: lungo la Frontiera c'è spazio per uno solo di noi.
E non sei tu.
CK Io ho un problema con il genere western, così come ce l’ho con Ford: proprio non mi piacciono. A pelle.
Non mi piace l’atmosfera da vecchio West, non mi piacciono i personaggi stereotipati, le solite sparatorie e situazioni da saloon. Non è proprio il mio mondo, il mio ambiente.
Questo film è di certo un capolavoro nel genere spaghetti western, peccato che a me piacciano tutti i tipi di pasta, ma gli spaghetti western proprio mi stanno sullo stomaco. Della pellicola ho comunque apprezzato le ottime inquadrature di Sergio Leone e le musiche memorabili di Ennio Morricone. Per quanto riguarda vicenda e personaggi, invece, sbadigli.
Un film fordiano fino al midollo, ma che rivela un finale sorprendentemente e ironicamente cannibale, con l’urlo: “Ford sei un figlio di una grandissima putt aah aah aaah!” :D
JF Sarebbe proprio divertente vedere il Cannibale strapazzato lungo la Frontiera da un bruto Clint fordiano, lasciandolo appeso qualche oretta in più alla corda.
Forse il western è il tuo genere, caro antagonista.
Specie se ci sono io a darti del filo da torcere.

"Stupratemi, uccidetemi... tutto, basta che non facciate guidare Mr. Ford!"
7) Cani arrabbiati (1974) di Mario Bava
JF Titolo purtroppo quasi sconosciuto ai più, questo gioiellino violentissimo e perverso di uno dei registi più importanti del nostro panorama - Burton, Carpenter e Tarantino gli devono un'infinità di trovate, e non perdono occasione di sottolineare la sua importanza - è a mio parere la versione italiana proprio de Le iene.
Un viaggio senza alcuna speranza di redenzione che è un'escalation di crudeltà da spavento, considerati i tempi in cui fu girato: e nonostante la povertà dei mezzi, Bava dimostra di essere uno dei grandi innovatori del concetto di grindhouse, in barba a tutti i registucoli finti alternativi sbucati come funghi dopo Pulp fiction e tanto ammirati da Cannibal e soci.
CK I Cannibali arrabbiati si prendono una pausa, a sorpresa, e la smettono di abbaiare contro il povero Ford ormai già bell’e che sbranato.
Tra i diversi film di nicchia scelti dal Ford che non avevo ancora visto e mi sono dovuto sorbire, pardon vedere in occasione di questa Blog Guerra, questo è l’unico che ho apprezzato. Non al 100%, visto che le interpretazioni degli attori più che da Cani arrabbiati sono da cani e basta, però mi è piaciuto il tocco registico del Mario Bava. Amatoriale, ma molto pulp. Un on the road movie criminale dotato di una buona sceneggiatura che tiene dall’inizio alla fine con pochi cedimenti per strada.
Un film, quasi l’unico della lista fordiana, che non fa scendere la bava mentre li si guarda addormentati sul divano.
JF Immaginavo che non ti sarebbe dispiaciuto, in fondo.
Del resto, sei più prevedibile di un medioman fordiano! Ahahahahah!

"Mamma ti prego, non portarci dal babysitter Ford:
quello vuole farci sempre vedere dei film noiosissimi!"
8) Anche libero va bene (2005) di Kim Rossi Stuart
JF Quello che potrebbe apparire come una sorta di "intruso" in una sequenza così esagerata di filmoni, esordio dietro la macchina da presa di Kim Rossi Stuart, è stata una delle scoperte migliori che feci nel mio periodo "allo stato brado", e che alimentò allora la voglia di scrollarmi di dosso la ruggine e tornare ad alzare la testa e guardare avanti.
Un dramma sobrio e potente che tratteggia le delicate geometrie del rapporto tra padri e figli, e sfodera un coraggio davvero niente male del regista/attore che, nel pieno della berlusconiana Italia sempre troppo cattolica, in una delle scene più cariche della pellicola caccia un bestemmione liberatorio e sentitissimo.
Ma pensare solo a quello sarebbe riduttivo per uno dei ritratti di crescita più intensi del Cinema italiano recente.
La stessa crescita che il mio antagonista continua a rifiutarsi di affrontare. Ahahahahahaha!
CK Un film caruccio quanto dimenticabile.
Kim Rossi Stuart esordisce in maniera dignitosa dietro la macchina da presa con una pellicola neo-neorealista (ANCORAAAAA???) che racconta con semplicità la vita di una famiglia dei sobborghi di Roma. Niente di che, a parte la scena della bestemmia dello stesso Kim Rossi Stuart, un momento davvero coraggioso per il cinema italiano. Per il resto è una pellicola troppo urlata, manco fossimo in un film di Muccino, e parecchio prevedibile, che si chiude con un finale davvero campato lì giusto per mettere la parola fine. Se non altro, rispetto ad altre atroci visioni fordiane, si lascia guardare.
Il motivo per cui a Ford piace tanto questo esordio registico decente, ma certo non da top 10 del cinema italiano (e forse nemmeno da top 1000), secondo me va ricercato nel passato da Ragazzo dal kimono d’oro di Kim Rossi Stuart…
Niente di che come film ma, comunque, anche libero va bene. A questo punto: tutto fuorché Ford va bene!
JF Non sarà da top ten assoluta, come del resto non lo è il tuo Sapore di mare, eppure è una pellicola coraggiosa - come giustamente sottolinei anche tu - e piena di cuore, ed entrambi noi sappiamo quanto ci sia bisogno di film così in una realtà povera come quella italiota.
Tra l'altro, fosse stato firmato da un Cannibàl Garcon francese, ora saresti qui a gridare al miracolo.
CK Io ho solo detto che c’è 1 scena 1 coraggiosa. Il resto è trascurabilissimo. Quello che ha bisogno il cinema italiano sono i talenti veri come Sorrentino, non queste esili storielline neo-neorealiste!
E Sapore di mare è un cult per generazioni e generazioni. Questo è un cult giusto nella terra dei cachi fordiani.

"Dormi cara, questa cine-rassegna è davvero interminabile.
Ford con la sua lista si è rivelato perfino più perfido di quanto sia mai stato io!"
9) Vincere (2009) di Marco Bellocchio
JF Quando si è deciso, insieme a quel tordo del Cannibale, di mettere in piedi una Blog Guerra a base di film italiani, una delle prime certezze che ho avuto rispetto alla mia decina, era che Bellocchio sarebbe stato della partita.
Avevo l'imbarazzo della scelta, considerate pellicole come Buongiorno, notte e L'ora di religione, ma ho deciso di puntare su Vincere, il ritratto anomalo che il regista tracciò di Mussolini: un film incredibile, visionario, dalla tecnica impareggiabile e dal carico emotivo quasi schiacciante, interpretato da un Filippo Timi mai così bravo.
Senza alcun dubbio, uno dei due più grandi film italiani degli ultimi dieci anni.
CK Pellicola decente eppure non del tutto riuscita sul Duce, ma soprattutto sulla sua amante e sul suo figlio segreto. No, non sto parlando di Berlusconi. E no, non sto parlando nemmeno di Mr. Ford. Per una semplice questione anagrafica: Ford è nato prima!
QUI c’è la mia vecchia recensione del film, riassumendo il mio pensiero: una pellicola tecnicamente interessante, quanto emotivamente fredda. Come al solito, con i film fordiani.
Vincere?
Ford, per battere la tua lista mi sarebbe bastato anche solo mettere una rassegna di film con Lino Banfi ahahah!
JF Magari avessi messo in lista qualche bel film con Banfi! Almeno mi sarei risparmiato certe schifezzone come L'eclisse!

"Tesoro, sveglia. E' finita, è finita!"
"Cosa, la guerra?"
"Ma no, la rassegna fordiana!"
"Evvai, notizia più bella non me la potevi dare! Però un po'' mi spiace:
non avevo mai dormito tanto bene in tutta la mia vita."
10) L'uomo che verrà (2010) di Giorgio Diritti
JF La sparo subito grossa: Giorgio Diritti è il Terrence Malick italiano.
Già con Il vento fa il suo giro questo sorprendente autore mi aveva colpito e affondato grazie ad un'escalation devastante sul finale, ma con L'uomo che verrà viene compiuto un passo oltre nel raccontare la strage di Marzabotto, episodio terribile degli anni dell'occupazione nazista nel cuore dell'Emilia Romagna della Resistenza.
Una pellicola che è una poesia, nonchè la rappresentazione migliore per il Cinema di quello che un certo De Andrè fece con la musica.
Un miracolo compiuto sottovoce in grado di far scomparire come per magia tutte le folli aspirazioni del mio scomodo antagonista.
CK L’uomo che verrà a darti una bella mano di botte, Ford, prima o poi lo troverai.
Nel frattempo, questo film è tra i pochi decenti della tua lista, che si chiude quindi a sorpresa con dignità.
Ai tempi l’avevo recensito in maniera molto positiva, anche se devo dire che a un paio di anni di distanza non è che mi sia rimasto molto della visione. Buon film, però quanti WhiteRussian ti sei scolato per scomodare un paragone del genere?
Terrence Malick sta davvero troppo più in alto, in cima al The Tree of Life.
Così come Cannibal non può far altro che guardare dall’alto il piccolo Ford allontanarsi sconfitto e in lacrime. Aspettando la vittoria che non verrà…
JF Cannibale, tira pure un sospiro di sollievo: tu l'uomo che verrà a darti una bella mano di botta l'hai già trovato.
E ho come intenzione di arrivare armato dell'alberello di Malick, che ti schianterò felice sulla testa.

36 commenti:

  1. bella lista anche quella di ford:)...non so'

    RispondiElimina
  2. Finalmente dei gran bei film su Pensieri Cannibali! :)
    E oggi scelgo la didascalia de L'uomo che verrà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. finalmente dei film brutti su pensieri cannibali,
      altrimenti il pubblico si abitua troppo bene! uahaha :D

      Elimina
  3. Sintetizzo la mia percezione di questa sfida: Ford ha più film che mi piacciono. Cannibale ha "La meglio gioventù". Palla al centro. ;)

    RispondiElimina
  4. Mi vergogno di dire che ho visto solo 4 di questi film XD
    Nonostante neppure io vada matta per gli Spaghetti Western, apprezzo la scelta de Il buono il brutto e il cattivo, che ho trovato veramente bello... e ovviamente, voto 11 all'inserimento di Roma città aperta, un capolavoro che non riesco più a guardare perché mi uccide, comincio a piangere senza ritegno.
    Comunque, come gusti direi che mi ritrovo più vicina al Cannibale! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yeah!
      e non vergognarti di aver visto solo 4 di questi film,
      vanne fiera ;D

      Elimina
  5. dai su pari e patta: ci sono film che amo (e alcuni che ...ehm...non amo) in entrambi le liste ma credo che non saprei scegliere tra le due.E poi io sono allergico alle liste...forse a proposito di neorealismo avrei fatto una citazioncina per Umberto D che si è ritagliato un pezzetto del mio cuore tutto per sè.Stupisce la presenza di Kim Rossi Stuart...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stupisce che il film di kim rossi stuart sia tra i migliori della lista eheh

      Elimina
  6. Grandissimo Mr Ford col neorealismo! Sono film di un'intensità pazzesca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucy, tu sì che ne capisci! Mica come quel tordo del Cannibale! :)

      Elimina
    2. intensità pazzesca = noia pazzesca! ahahah

      Elimina
  7. Grande lista senza dubbio, ma a questo giro punterei su Cannibale.

    RispondiElimina
  8. Anche se amo tanto il neorealismo, stavolta mi sono trovata di più con la tua lista, Marco! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. than!
      però smettila di amare il neorealismo, che fa male alla salute! ;)

      Elimina
    2. intendevo: thanx!
      vista l'acclamazione, devo scrivere troppi ringraziamenti e mi perdo le lettere per strada :)

      Elimina
  9. Quindi ci sono molti più radical chic di quanto credessi! ;)
    Vorrà dire che aumenterò le dosi di Sly, Schwarzy e Van Damme giù al saloon! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. molti ma molti di più!
      come ci si sente a bere da soli, giù al saloon? uahaha XD

      Elimina
  10. Bella questa blog war! Mi avete divertito molto! Le didascalie sono da spisciarsi!
    Non ho visto la maggior parte dei film che avete inserito, e quei pochi che ho visto non li avrei messi, soprattutto "C'era una volta in America": un grande film, ma non un bel flm, per me. Di Monicelli avrei messo "I soliti ignoti", e di Leone "Per qualche dollaro in più". Apprezzo "La meglio gioventù". Comunque vi ringrazio perché mi avete dato parecchi suggerimenti di visione!
    Ora vi do io un suggerimento: l'ortografia!!!! Mi fate venire i brividi..
    "Tu es une dégueulasse" "Que-ce que c'est une dégueulasse?"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la frase finale di "A bout de souffle" che tu hai citato mandandomi in sollucchero!! Non so come l'abbiano reso in Italiano!

      Elimina
  11. Voto anche io per il Cannibale, anche se Mr JFord si presenta con una lista supertitolata. Il problema del neorealismo, secondo me, non è la mancanza di intensità o di passione, ma l'assenza di Bellezza (che NON è un concetto relativo, come tanti postmoderni vorrebbero farci credere). Di Sergio Leone preferisco C'era una volta il West (e subito dopo C'era una volta in America).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parole Sante
      (ma il problema del neorealismo, oltre a un gusto estetico inesistente, è anche la NOIA :)

      Elimina
    2. Urca, qui sento puzza di radicalchicchismo pesantissimo! Torno a bere, anche da solo! Ahahahahah!

      Elimina
  12. ragazzi, mi trovo molto più a mio agio con la classifica di cannibal, anche se ci sono dei bei pezzi pure qua.
    però troppo neorealismo mi appesantisce, e detesto i western.
    cannibal, per contro, poteva pure evitarsi i vanzina!
    baci a profusione
    pa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche tu non potevi che essere contro neorealismo e western!
      la tua avversione per i vanzina d'annata ti rende invece molto più radical-chic persino di me ;)

      Elimina
    2. non sono contro neorealismo. riconosco la sua importanza. e me li sparo, molto spesso, i mattoni, ben felice di vederli. semplicemente, di pancia, mi sento più Nouvelle Vague.
      sapore di sale l'ho visto più e più volte come tutti noi, ma è un genere che io non ritengo nemmeno appartenere alla voce "cinema", diciamo che è sul livello delle fiction tv.
      forse sono radical chic. mi sto sulle palle da sola in effetti.. pò 'esse.

      Elimina
  13. ford, ormai si sta delineando più che una vittoria, un vero tripudio, un trionfo cannibale per acclamazione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrai dire una sinfonia di noiosissimi pareri da cinefili altezzosi! ;)
      Altro che neorealismo! Ahahahahah!

      Elimina
    2. Non per difendere Ford (lungi da me), ma qua siamo sul tuo blog e siamo tutti cannibal-lovers, bisogna di dirlo, a priori!!

      Elimina
  14. Azz.... Voto 10+ per il buono il brutto e il cattivo, sapevo che Ford non l'avrebbe lasciato fuori, per il resto ottimi film tranne forse l'ossessione che proprio non mi è piaciuto, però quoto pa e qualche commento cannibale, troppo neorealismo mi risulta abbastanza pesante, non indigesto però pesante sì....

    Cannibale, segnati questo giorno perchè non capita spesso, stavolta per me la sfida la vinci tu! Ford, nessun rancore, però la prossima meno neorealismo!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie loz!

      ford, ormai la tua sconfitta più che neorealista, è reale e basta
      uahahahah :D

      Elimina
  15. Dai dai, diciamola tutta: Ford ci prende di brutto! Bravo James! Pure io m'ero dimenticato di Diritti, che grande film L'uomo che verrà; e poi, certo, Roma città aperta, Monicelli, Visconti....E 'sti cazzi! Altro che Marco Tullio Ecc Ecc "Harmonydiminchia" Giordana. Anche l'accoppiata Bellocchio-Timi però non scherza niente in quanto a parlarsi addosso eh, questo bisogna dirlo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Emmeggì!
      Tra l'altro, con quel "ci prende di brutto" e "sti cazzi" hai reso bene il panesalamismo contro tutte le schiere di radical chic! :)

      Elimina
  16. 7 su 10 piacciono anche a me. i primi 7. alcune sono pellicole drammatiche, ma se pensi al periodo in cui sono state girate ti chiedi come fanno oggi a sostenere di sapere recitare... alcune emozioni in quei film ti entrano nella pelle...

    RispondiElimina
  17. e poi... ti è sfuggito anche stavoltà, ma hai indovinato cosa ho visto e ci sei riuscito solo tu ... la solita vittoria senza premio ma spero basti la soddisfazione e i complimenti che hai ricevuto ;-)
    http://pupottina.blogspot.it/2012/04/winner-is.html

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com

Google Analytics