sabato 10 marzo 2012

La storia chiara, anzi bianca, di Walter Chiari

Walter Chiari - Fino all’ultima risata
(mini-serie in 2 puntate)
Regia: Enzo Monteleone
Cast: Alessio Boni (Walter Chiari), Bianca Guaccero (Valeria Fabrizi), Dajana Roncione (Alida Chelli), Anna Drijver (Ava Gardner), Caterina Misasi (Lucia Bosè), Karin Proia (Sophie Blondel), Gerry Mastrodomenico (Bruno Guidazzi)
Genere: biopic Rai
Se ti piace guarda anche: Rino Gaetano - Ma il cielo è sempre più blu, J. Edgar, The Iron Lady

Era da parecchio tempo che non guardavo qualcosa su Raiuno, Mondiali di calcio a parte.
Possibile? Ma no, avrò di certo visto qualcosa di recente. Di sicuro Raiuno ha offerto un sacco di cose interessanti…
Ehm no. Forse era dai tempi di Ma il cielo è sempre più blu, la fiction dedicata a Rino Gaetano nel 2007 che non la guardavo. Non per più di 2 minuti, almeno, e non per mia volontaria scelta, almeno. A farmi tornare sulla prima rete nazionale è stata ora proprio un’altra miniserie biografica su un personaggio storico dell’intrattenimento del nostro paese di cui in verità non sapevo molto: Walter Chiari, vero nome Walter Annichiarico.
Anche se, va detto, mi sono recuperato la serie in rete e non in tv, per la serie: pagare il canone mi è davvero utile, yay!

La storia dell’ascesa e declino di Walter Chiari l’entertainer copre una larga fetta dell’ultimo secolo, con partenza dal dopoguerra e arrivo ai primi anni ’90. L’affresco socio-culturale che ne esce è molto superficiale: vediamo l’immancabile scenetta ambientata durante Italia - Germania 4 - 3, con Chiari che la segue impassibile in prigione, e qualche immagine di repertorio cucita insieme alla buona. Dopo tutto si tratta pur sempre di una fiction firmata mamma Rai.
Se la qualità televisivo-cinematografica è buona per gli standard Rai, è però ben al di sotto delle produzioni BBC o HBO o AMC, giusto per mettere le cose nella giusta prospettiva e non alimentare false speranze.

Nonostante a livello registico Enzo Monteleone non si segnali in modo particolare e la sceneggiatura sia piuttosto banalotta, la miniserie in due puntate fugge via piacevole e guardabilissima. Merito di un personaggio interessante, anche e forse soprattutto per chi di lui non ne sapeva fino ad ora un bel niente come me. E merito di un ottimo Alessio Boni in versione tour de force che si è immedesimato del tutto in Walter Chiari, nonostante qualche forzatura caricaturale non manchi. Un’interpretazione notevole che negli Usa gli avrebbe fruttato un Emmy Award o perlomeno una nomination, mentre qui in Italia si dovrà accontentare di... mah, un Telegatto? No, non ci sono manco più quelli. Allora dovrà accontentarsi di una pacca sulle spalle virtuale da parte di Pensieri Cannibali. È pur sempre qualcosa, no?
Il cast di contorno si segnala invece per la presenza di fanciulle più belle che brave a recitare ma che comunque si stagliano sopra la media-fiction nostrana, in particolare una divertente Dajana Roncione nei panni della moglie burina di Chiari e quella bonazza mediterranea di Bianca Guaccero.

"Ma quanti colori di capelli cambi? Vorrai mica farti pure Bianca? Uahaha!"
Di Bianca però non c’è solo la Guaccero, ma anche la coca che è stata croce e delizia nela vita del Walter Chiari. La vicenda parte proprio dal 1970, anno in cui il conduttore e attore è stato arrestato con l’accusa di possesso e spaccio di droga, una storiaccia che l’ha fatto restare in gattabuia per 70 giorni e che alla fine ha portato la moglie Alida Chelli a chiedere il divorzio.
La prima puntata è la più interessante delle due, grazie a una costruzione su due piani temporali: il Walter carcerato nel ’70 e i vari flashback riguardanti la sua ascesa al successo nel mondo dello spettacolo. Una costruzione che seppure lontana dalle stratificazioni di un J. Edgar risulta più efficace rispetto alla seconda puntata fin troppo lineare, che ci presenta invece la parte - di solito - più avvincente in questo genere di storie, ovvero quella del declino.

Riguardo all’ascesa, Walter Chiari è venuto fuori dal nulla, grazie al suo fascino magnetico, alla sua presenza sul palco e pure alla sua abilità nel raccontare barzellette. Dai palchi teatrali è passato quindi alla televisione e al cinema, diventando ben presto un personaggione capace di oscurare persino le dive che erano solite circondarlo, come una certa Ava Gardner. La parte più affascinante della storia è quella del Walter Chiari playboy che se le fa tutte, oltre alla Gardner pure Lucia Bosè, futura madre di Miguel Bosè, e alcune altre dive come Mina di cui però nella serie non si parla. Gli anni ’60 ricostruiti dalla fiction viaggiano da qualche parte tra Mad Men e La dolce vita, modelli citati ma ovviamente non eguagliati, nonostante una fuga dai paparazzi che sembra uscita dritta dritta dal film di Fellini. Poco spazio si ritaglia invece il mondo televisivo, forse per paura di dare un’immagine negativa della Rai e dimostrando quindi ben poco coraggio, soprattutto se paragonato al grande The Hour trasmesso dalla BBC, capace di attaccare profondamente la BBC stessa degli anni ’50.
Una frecciatina alla Rai però questa fiction la tira fuori comunque: dopo il processo per lo scandalo coca, Walter Chiari attraversa un lungo periodo lontano dalla televisione e quando una fan gli chiede se tornerà sul piccolo schermo, lui risponde: “Chiedetelo alla Rai”.

La seconda puntata, quella sul secondo tempo nella vita del Chiari, è quella del declino, con i media tradizionali che lo abbandonano e i riflettori che cominciano a spegnersi dopo la discussa vicenda del processo. Negli anni ’70, lo showman si ricicla quindi su palchi di terz’ordine di vari locali italiani, fino a tornare negli 80s in tv grazie alle reti locali: sfumato un contratto con Rete 4, finisce ad Antenna 3, seppure brevemente. Il mondo televisivo è però cambiato parecchio rispetto ai suoi tempi d’oro, c’è stato l’avvento del Berlusconi style, delle televendite, e il Walter non è più l’uomo giusto al posto giusto nel momento giusto. È in questo Viale del tramonto che la mini mini-serie avrebbe potuto giocare le sue carte migliori, grazie a una vicenda poi non molto lontana ad esempio dal George Valentin del premiatissimo The Artist. Peccato che ci troviamo pur sempre dentro a una fiction Rai e il declino venga quindi rappresentato giusto attraverso una drammatica, scontata (e probabilmente inventata) scenona del Chiari a pezzi per l’uso eccessivo di droga.
L’ultima occasione di riscatto arriverà quindi per lui non grazie alla perfida televisione, che certi scandali non riesce a dimenticarli, bensì con il cinema: è con il film Romance sul rapporto tra un padre e un figlio che Walter Chiari torna a far parlare di sé al Festival di Venezia, dove stava per vincere la Coppa Volpi di migliore attore, andata poi a Carlo delle Piane. Ma a non funzionare nella seconda puntata della fiction è il rapporto padre/figlio, proprio il punto vincente di una pellicola come Romance.

Riguardo a questo aspetto dalla vicenda, lascio la parola a Simone Annichiarico, il figlio di Walter oggi conduttore di Italian’s Got Talent, che in un’intervista ha dichiarato: “A livello qualitativo è una fiction molto buona; Alessio Boni è straordinario, da fargli un monumento per quanta dedizione ha messo nel personaggio. Da utente la giudico godibile. […] La prima parte è Walter, la seconda è Lenny Bruce. Se nella prima puntata l'85% delle cose sono vere e il restante 15 è romanzato, nella seconda è esattamente il contrario: l' 85% è inventato. […] Sfido chiunque ad averlo mai visto in down di cocaina da qualche parte. Non è mai stato licenziato da nessuna emittente televisiva, tantomeno da Antenna 3, al limite non lo chiamavano a lavorare. Il rapporto con me è assurdo, si vede addirittura che gli scanso la mano mentre mi accarezza. È un iper-mega-romanzo. Ne esce fuori un uomo fallito, dominato da brutti demoni, mentre lui era di un’allegria contagiosa, aveva un sacco di persone intorno. Tutto il contrario di quello che si è visto lì.”

Se Simone Annichiarico se l’è presa con la fiction va detto che forse il motivo, oltre che nelle invenzioni, è da trovare anche nel suo personaggio, che non ne esce alla grande: Simone è infatti impersonato da un bambino che definire cagacazzo e odioso è dire poco. Te credo che non l’abbia presa bene.
Nei giudizi contro la fiction c’è comunque chi ci è andato giù ancora più pesante. Un amico di Celentano, un certo Aldo Grasso, sul Corriere della sera scrive: “Per chi ha profondamente amato Walter Chiari, l'artista più che l'uomo, la biografia interpretata da Alessio Boni è stata una vera sofferenza. […] È una rivisitazione superficiale e maldestra. E dire che con tutto il materiale di repertorio che esiste su uno dei più grandi entertainer dello spettacolo italiano era quasi impossibile costruire una fiction così brutta. Ci sono riusciti.”

La visione della fiction è quindi consigliata più a chi di Walter Chiari non ne sapeva nulla e che quindi grazie a queste due puntate avrà un’infarinatura generale, vedrà la fotografia di un personaggio controverso, quanto affascinante e carismatico. Un uomo che sapeva far ridere gli uomini e far innamorare le donne. Un uomo con cui rivivere i decenni del dopoguerra italiano attraverso i suoi alti e i suoi bassi personali e di carriera. Ricordando che Alessio Boni sarà stato anche bravo e tutto però sì, si tratta pur sempre di una fiction Rai.
(voto 6,5/10)


15 commenti:

  1. Ormai noto che la tua dipendenza dalle fiction rai si sta facendo preoccupante. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa che è comunque per noi positiva. Ci leggiamo l'opinione del Kid e continuiamo a starcene alla larga dalle fiction Rai.

      Elimina
  2. è pur sempre Mamma Rai, deve creare suspense, altrimenti che raccontava? una storia lieta?

    RispondiElimina
  3. L'ho seguita, almeno in parte, spinto dall'amore per il Walter Chiari vero, però l'ho trovata a tratti quasi irrispettosa e irritante nello spingere sul lato più superficiale e negativo del personaggio. Comunque di qualità superiore rispetto agli standard(bassi) della rai e a quelli(bassissimi) mediaset(t'è capitato di dare un'occhiata a "sei passi nel giallo" o come minchia si chiama? Grottesco!). Però Alessio Boni mi ha sorpreso in positivo; a tratti gli somigliava pure fisicamente, bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei passi nel giallo me lo sono risparmiato volentieri! :)

      Elimina
  4. Irriverent Escapademarzo 10, 2012 1:24 PM

    Dall'alto della mia età (ah aha) io Walter Chiari me lo ricordo. E cosa folle, sono pienamente d'accordo con l'amico di Celentano: cose di questo genere sono una vera sofferenza. Come lo era stata quella su Rino Gaetano, del resto(colpevole di avere gonfiato all'inverosimile l'ego, già smisurato di Claudio Santamaria)
    Probabilmente hai ragione tu, potrebbe essere un modo per conoscerlo. Ma forse la RAI avrebbe fatto meglio ad aprire le proprie teche per mostrare l'originale anzichè investire sulla fiction

    RispondiElimina
  5. Irriverent Escapade ha colto nel segno. Non ho visto la serie in oggetto ma me la posso immaginare, visto il livello di rai e mediaset. Guarderò invece Faccia d'Angelo appena la si trova in rete, perchè il personaggio da cui è tratta è uno che mi incuriosisce molto...

    RispondiElimina
  6. Aldo Grasso mi fa morire! :D
    Ma davvero il telegatto non c'è più? Non lo sapevo.

    RispondiElimina
  7. allora.
    la fiction io l'ho vista quelle due sere in tv, probabilmente per autoconvincermi che ho fatto bene a pagare il canone. mah.
    erano secoli che non guardavo una fiction, ma walter chiari mi affascina e pure boni.
    la prima puntata mi è abbastanza piaciuta. la seconda mi ha terribilmente deluso. credo che abbiano pompato un pò tutto, in senso caricaturale, e poi si è scaduti sul patetico. ma del resto, come hanno già scritto in tanti, siamo sulla rai e cosa dovevamo aspettarci? mi è rimasto un senso di amarezza per una grande occasione che poteva essere giocata meglio. Boni comunque si è impegnato tantissimo e ha fatto miracoli.

    ps ho fatto sul mio blog anche io la storia dei 30 giorni di libri! che faticaccia! ti aspetto!

    RispondiElimina
  8. Be', la fiction RAI non è tutta da buttare. Ok per la biografia di Walter Chiari, non m'è piaciuta, ma il Giovane Commissario Montalbano è spettacolare. Merito anche di una sceneggiatura pazzesca.

    RispondiElimina
  9. Però non capisco perchè devono inventarsi gran parte delle storie (era successo anche con Rino Gaetano). Ma state fedeli alla realtà, no?

    RispondiElimina
  10. Alessio Boni è bravo ma mi rifiuto di vedere le cose che fa in tv! io passo...

    RispondiElimina
  11. Sì, però..non hai messo neanche una foto del vero Simone Annicchiarico, che a me piace tanto :(
    Chiari l'ho studiato per un esame. Di recente suo figlio ha presentato uno speciale per i vent'anni dalla morte e ha scelto un film che io ho trovato bello, se lo guardi per intero! Si chiama "Il Giovedì" di Dino Risi. Lo conosci? Bella recens!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, non l'ho visto. ma quel "se lo guardi per intero" significa che la prima parte è una palla colossale? :)

      Elimina
    2. No, ma il personaggio di Walter Chiari all'inizio può sembrare macchiettistico, invece lentamente assume una profondità. Anche la storia all'inizio sembra la solita storia del padre fannullone e fanfarone, poi diciamo che subentra l'amarezza. C'è una scena che a me è piaciuta tanto, ma non ti dico quale! e ce n'è una da tagliare, che rispecchia il gusto dell'epoca ma rispetto al film è uno scivolone! Aspetto il tuo parere!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com

Google Analytics