lunedì 5 dicembre 2011

Midnight in Paris (non Hilton)

"Ma perché l'ho presa?
Carlà è quella che i francesi chiamano: les incompétent"
Midnight in Paris
(USA, Spagna 2011)
Regia: Woody Allen
Cast: Owen Wilson, Rachel McAdams, Marion Cotillard, Michael Sheen, Kurt Fuller, Mimi Kennedy, Lea Seydoux, Alison Pill, Corey Stoll, Adrien Brody, Nina Arianda, Yves Heck, Tom Hiddleston, Kathy Bates, Karine Vanasse, Carla Bruni
Genere: retro
Se ti piace guarda anche: Tutti dicono I love you, Accordi e disaccordi, Celebrity, Harry a pezzi

Midnight in Paris sa sorprendere.
Io ad esempio mi aspettavo una sorta di sequel firmato da Woody Allen di 1 Night in Paris, il “film” che ha regalato la celebrità a Paris Hilton. Invece ci troviamo sì a Parigi, come segnala la evitabile intro eccessivamente turistica della pellicola, e in un hotel di lusso che potrebbe tranquillamente essere un Hilton, eppure la storia raccontata è quasi una fiaba.
È all’interno di questo hotel che troviamo Owen Wilson, sceneggiatore hollywoodiano affermato ma in vena di fare qualcosa di diverso, di cimentarsi con un romanzo, con la letteratura vera. Uno sguardo come al solito autoironico di Woody Allen alla sua professione anche perché, nel caso aveste dubbi in proposito, Owen Wilson altro non è che l’ennesimo alter-ego utilizzato dal regista. Un filino meno balbuziente del solito, però ugualmente cattivo, antisociale, presuntuoso, radical-chic ed egoista. Che poi sono i motivi che rendono Allen il gallo che è sempre stato.
Un personaggio questo simil-Allen con cui Owen Wilson ritorna in grande forma dopo il (presunto) tentato suicidio quando Kate Hudson l’ha lasciato (come dargli torto?) e lo fa con la sua migliore intepretazione di sempre, o se non altro un ottimo ex aequo con il fenomenale Hansel di Zoolander.
Il protagonista dell’avventura parigina si trova nella romantica capitale francese insieme alla futura moglie, una fica quanto acidella Rachel McAdams che, dopo una serie di pellicole romantiche, torna in bastarda e gradita versione “mean girl”. Frico! Insieme a lei ci sono gli ancora più insopportabili genitori, con il padre repubblicano che viene subito castigato dalle frecciate umoristiche dell’Owen/Woody.

Midnight in Paris sa sorprendere e se volete essere sorpresi anche voi e non l’avete ancora visto, vi consiglio di smettere di leggere da qui in poi.
Se non un remake francese di 1 Night in Paris, visto il gossip che aveva coinvolto le riprese mi aspettavo tipo una fiaba in cui la limo presidenziale di Carlà Bruni a mezzanotte si trasforma in una vecchia Fiat 127 e il suo principe Sarzoky si trasforma in un poveraccio delle banlieu. E invece di fiaba si tratta, ma in una maniera differente.

"M'hanno chiamato per un film decente: brindiamo!"
Allo scoccare della mezzanotte, la magia non finisce come in Cenerentola, bensì inizia. Owen Wilson, mentre vaga solitario tra le strade buie di Parigi, viene invitato a salire su un’auto d’epoca che lo porta a una festa. Le possibilità erano quelle di trovarsi dentro un’orgia party alla Eyed Wide Shut, ma Allen non è Kubrick, è più romantico e sognatore e il nostro Owen/Woody si trova catapultato indietro nel tempo, nell’epoca in cui aveva sempre sognato di vivere: gli anni ’20 parigini. E così si imbatte in Scott Fitzgerald (sì, l’autore de Il grande Gatsby ) e nella fuorissima moglie Zelda, interpretata da una Alison Pill dopo Milk e Scott Pilgrim in progressiva costante crescita. Ma non è che l’inizio per l’avventura di un Wilson che si allontana sempre di più dal presente, dalla promessa sposa e dal suo amico professorone universitario che qualcuno bollerebbe come radical-chic, interpretato dal come al solito perfettamente odioso Michael Sheen (non parente di Charlie, non so se dire per fortuna o purtroppo).

"Hanno chiamato Adrien Brody per un film decente: brindiamo!"
Owen/Woody continua così a viaggiare in questa DeLorean uscita dai 20s, incontrando anche Il cantante jazz Cole Porter (autore tra l’altro del musical Paris) intento al piano a suonare “Let’s do it (let’s fall in love), un grande e da tenere d’occhio Corey Stoll nella parte del grande Ernest Hemingway, ma poi ci sono anche il fotografo Man Ray, il pittore Pablo Picasso, la sua fittizia amante Adriana (una Marion Cotillard oltre ogni soglia del fabuleux), il regista Luis Bunuel, una Gertrude Stein in versione Kathy Bates e un Salvador Dalì ritratto da un Adrien Brody sopra le righe, ma piuttosto surrealista e quindi in linea con il personaggio. Miracolo: Adrien Brody è tornato a recitare in un bel film, erano MILLENNI che non capitava!
Anche se la cosa più surrealista non è Dalì bensì la presenza, all’interno di un cast così della madonna, della chicken première dame Carla Bruni. Se tutte le guide parigine sono come lei, ‘nnamo bene, ‘nnamo. E se come cantante non brilla per una voce particolarmente esaltante, ma riesce almeno a non essere fastidiosa come tante voci conterranee (cito solo Laura Pausini, Giorgia e GGGiuliano dei Negramaro), come attrice nei pochi istanti in cui compare fa una figura davvero barbina. Anche perché iniziare con dei colleghi del genere non è facile. Dovrebbe partire per gradi. Non so, partire con qualcosa insieme alla Arcuri, dove potrebbe anche fare la sua figura, e quindi tornare ad Allen. Quell’incosciente che l’ha scritturata lo stesso, salvo poi pentirsene.

"Guarda, questo qui è il pistolino di Sarkozy!"
"Vuoi dire del figlio neonato di Sarzoky?"
"No no, proprio il suo..."
Midnight in Paris sa sorprendere, forse l’ho già detto.
Mi aspettavo il solito film annuale alleniano sulla parabola discendente del fallimentare Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni e invece il regista newyorkese ormai con il culo stabilmente piantato in Europa mi sorprende, e pure alla grande. Abbandonata, o almeno per il momento accantonata, la trasferta inglese che aveva dato buoni frutti con il comunque sopravvalutato Match Point e con l’invece ingiustamente sottovalutato Sogni e delitti, oltre che con Scoop (che nonostante la presenza di Scarlett non ho ancora visto) e il già citato inutile Incontrerai…, Allen se ne torna in Francia in una Parigi da cartolina dove aveva già girato il gradevole musicarello Tutti dicono I love you e ci regala una perla magica, favolistica oserei dire, perfettamente in linea con l’uscita in prossimità delle feste che i distributori italiani le hanno regalato, con una mossa per una volta azzeccata, oserei dire pure questo. E quando io faccio i complimenti alla distribuzione cinematografica nostrana, significa davvero che il Natale si sta avvicinando.

Midnight in Paris ha sorpreso me, come ho già detto più e più volte in un attacco di arteriosclerosi, ma anche il pubblico a stelle e strisce: Midnight in Paris è infatti il Woody Allen che ha incassato di più negli Stati Uniti. Considerata la presenza di Owen Wilson come protagonista, gli americani avranno pensato che si trattava del sequel in salsa francese di Io & Marley, in cui il cane resuscita e si trasferisce a Parigi?
Invece no.
Il film è un tuffo magico in un’epoca magica, non solo un film su Parigi ma anche e soprattutto una riflessione sulla nostalgia e il culto del passato, sull’idea che il meglio sia venuto sempre prima di noi. Io ad esempio avrei voluto vivere da adolescente il periodo d’oro del grunge e dei Nirvana, invece sono arrivato con qualche anno di ritardo. Anche se pure la Parigi degli anni ’20 non mi sarebbe spiaciuta.
Grazie a questo tuffo nel passato Woody Allen trova non solo l’ispirazione dei tempi andati, ma un’ispirazione oserei direi superiore ai tempi andati. Questo Ritorno al futuro è in pratica il mio Allen preferito di sempre, almeno tra quelli che sono riuscito a vedere dei suoi 3miliardi di film. Per chi sperava nel sequel di 1 Night in Paris, invece, tranquilli: c’è ancora tempo.
(voto 8/10)

18 commenti:

  1. sì!!! davvero così, magico...
    mi è piaciuto molto

    RispondiElimina
  2. Carlà è nel film per una Bieca Operazione Commerciale: la conoscono in tutto il mondo, quindi qualche milionata di spettatori in più (anche e soprattutto quelli che non sanno niente di Dalì, Bunuel, del surrealismo ecc)
    Comunque, bentornato Woody! STAVOLTA hai imbroccato un bel film! (You will meet ecc era veramente loffio)

    RispondiElimina
  3. E siamo d'accordo anche su questo!
    Direi che è proprio un periodo curioso, questo! ;)

    RispondiElimina
  4. concordo^^ bellissimo film e salito rapidamente sul podio dei miei preferiti insieme alla rosa purpurea del Cairo e tutti dicono I love you...I LOVE PARIS.
    http://firstimpressions86.blogspot.com/2011/10/midnight-in-paris.html

    RispondiElimina
  5. Bellissimo, finalmente Woody è tornato!

    RispondiElimina
  6. Ha sorpreso piacevolmente anche me. Ma ormai Allen ci ha abituato ad alti e bassi: "Basta che funzioni" e "Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni" erano più standard, quasi monotoni; qui ha ritrovato l'ispirazione e... Parigi è sempre splendida.

    RispondiElimina
  7. Ottimo, come sai non mi perdo un film del vecchio Woody e di certo non mi lascerò sfuggire questo!

    RispondiElimina
  8. Non l'ho ancora visto...quindi, mi sono opportunamente fermata al punto in cui hai consigliato di non leggere più ed ho visto il trailer....mi riservo di finire la recensione dopo la visione del film!

    RispondiElimina
  9. Negli ultimi anni ci ha proposti alti e bassi, Match Point perfetto, Scoop carino, Sogni e delitti e Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni decisamente brutti e i peggiori della sua carriera, mentre Basta che funzioni e Midnight in Paris sono deliziosi!

    RispondiElimina
  10. Applausi per Woody che ha fatto un gran bel film e per il tuo modo divertente e mai noioso di scrivere!

    RispondiElimina
  11. Un piacevole film dopo numerosi fail. Un po' telefonato, un po' paraculo con l'happy ending, ma decisamente gradevole!

    RispondiElimina
  12. Non ho letto tutta la recensione, tornerò quando avrò visto il film, ma ammetto di aver pensato per 10 minuti buoni a quello che dice Woody a Carlà nella foto che hai messo... e poi ho ricordato: Mamma ho perso l'aereo!!!
    Siamo proprio sotto Natale... *___*

    RispondiElimina
  13. Michael Sheen, ecco chi era a interpretare quel saccentone!

    RispondiElimina
  14. Molto carino e Marion è splendida, ma 8 lo trovo un voto troppo alto per questo film! Si mi ha lasciato la voglia di scappare a Parigi, e di passegiare per le sue vie sotto la pioggia ma confrontati con altri di Allen non vale tanto:)

    RispondiElimina
  15. Marion Cotillard, queste due parole mi portano a vedere il film.

    RispondiElimina
  16. Visto ieri, mi ha piacevolmente stupito e mi piace come Woody Allen non renda banale un film romantico! Solo un difetto: non so se ho trovato più odiosa la -poca- espressività di Owen Wilson o quella di Carla Bruni, il resto del cast è perfetto!

    RispondiElimina
  17. le didascalie sulle foto per brody sono geniali. :)

    RispondiElimina
  18. voglio vederlo solo perchè ho visto che Tom Hiddleston interpreta Francis Scott Fitzgerald ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com

Google Analytics